Contacto/Contatto /Contact

Risposta alla sfida N°5. Complimenti Liliana e Rosa!!!


È la più grande torre abitativa medievale sopravvissuta in città. Fu eretta per la famiglia Conti ad inizio XIII secolo e deve probabilmente il suo nome alla vicinanza con un quartiere militare, notizia mai confermata, e poi venduta a papa Bonifacio VIII, che la fortificò contro i Colonna, quindi agli Annibaldi e ai Caetani. Nel 1348 un terremoto causò il crollo del terzo piano e l’inclinazione della torre, tuttora visibile. Il lento declino della torre l'ha accompagnata ai giorni nostri. 'origine della Torre delle Milizie è avvolta nel mistero e ancora oggi è difficile indicare il periodo in cui è stata costruita. La leggenda narra che l’Imperatore Nerone, dalla sommità della torre, si mise a suonare la lira indossando il suo abito di scena, durante il famoso incendio che devastò Roma. Ipotesi alquanto fantasiosa in quanto ad una leggenda, Nerone che suona la lira durante l’incendio, ne aggiungiamo un’altra, la presenza della torre che in questo caso sarebbe già esistita nel I secolo dopo Cristo. Un’altra leggenda vuole che la Torre delle Milizie sia l’occhio sulla città di un immenso palazzo sotterraneo di Augusto che un giorno, risvegliatosi dall'aldilà, salirà sulla torre per ammirare la città. Altre fonti, forse più attendibili, la datano costruita verso il 1200 ad opera del Papa Gregorio IX. Comunque il suo nome, Turris Militarium, deriverebbe dalla presenza di un quartiere militare nelle vicinanze, anche se non è stato mai dimostrato. Non possiamo dare una data certa della sua costruzione ma sicuramente la Torre delle Milizie diventa un attore di primo piano nella storia di Roma dal 1200 durante le lotte fra la fazione legata all’imperatore e quella di estrazione filopapale.